Archivio News
JANUARY 23: L'UNIONE TRA MENTE E MATERIA (OWU)

ACQUISTA QUI IL TUO BIGLIETTO

Mercoledì 23 Gennaio il quarto appuntamento del nuovo ciclo One World University: incontri tra Oriente e Occidente, a cura di Gloria Germani. Alle ore 18.30 la conferenza L’UNIONE TRA MENTE E MATERIA con Maria Angela Fialà (Presidente della Fondazione Maitreya, già Presidente UBI), Giorgio Raspa (Presidente UBI) e Diego Infante (scrittore): gli sviluppi del sapere tra Neuroscienze e Buddhismo. Anticipato dalla visita a Firenze di S.S. il Dalai Lama nel settembre 2017, affrontiamo il tema dell’unione mente e materia e dell’incontro tra le moderne scoperte delle neuroscienze e le antiche conoscenze del buddismo o del pensiero indiano. Da queste convergenze o “Ragioni del Buddha” scaturiscono orizzonti molto importanti, da non confondere con la Robotica. Il  buddhismo, insieme alle altre tradizioni orientali  ritiene che la mente di ogni individuo (mente) sia parte inseparabile di un livello mentale sovraordinato (Mente) e che la condizione naturale della mente di ogni persona sia quella di stare in questo senso di unità e di fusione. Oggi la fisica quantistica e le neuroscienze dimostrano che ogni entità materiale, attraverso l’energia di cui è dotata, è interrelata con tutte le altre, è interconnessa e interdipendente ed è parte costitutiva della Mente. Questo livello di interconnessione e di interdipendenza della realtà subatomica, caratterizzato dalla non località e dalle comunicazioni non locali, vede le particelle subatomiche dei nostri organismi interagire tra loro, e con quelle dell’universo, simultaneamente generando la realtà dell’entanglement. Il senso di separazione dell’uomo dall’ambiente e dall’universo sarebbe solo un’illusione. Probabilmente un errore di percezione/rappresentazione della realtà dovuta al condizionamento della cultura materialista. Nello stato naturale la mente è in armonia, quieta e chiara, ovvero in grado di comprendere la vera natura delle cose senza condizionamenti mentali o peggio offuscamenti mentali. Il Sé dell’individuo è esteso oltre i confini corporei.

Alle ore 21 il film Monte Grande: What is Life? (Svizzera, 80′) diretto da Franz Reichle Com’è possibile che il corpo e la mente esistano come un tutt’uno? Il neurobiologo cileno Francisco Varela ha dedicato tutta la sua vita a rispondere a questa domanda. Il film i di Franz Reichle illustra il pensiero del neurobiologo che ha dedicato tuta la vita a rispondere a questa domanda. Il film include riflessioni tra cui Sua Santità il XIV Dalai Lama, Heinz von Foerster (il padre della cibernetica), Jean-Pierre Dupuy e Humberto Maturana.

Maria Angela Falà è presidente della Fondazione Maitreya, Istituto di cultura buddhista, per cui organizza attività culturali, convegni e studi. È stata anche presidente dell’Unione Buddhista Europea (1998–2004) e dell’Unione Buddhista Italiana (2000-2004). È Presidente del Tavolo Interreligioso di Roma. Dirige la rivista «DHARMA», trimestrale per la pratica buddhista e il dialogo. Rappresenta l’Italia all’United Nation Vesak Day e al World Buddhist Summit. E’ autrice di “Milindapanha. Le domande del re Milinda. Dialogo tra un re indogreco e un monaco buddhista” (Ubaldini). È docente presso Master Universitari su temi dell’intercultura.

Giorgio Raspa ricopre la carica di Presidente dell’Unione Buddista Italiana con la delega per rapporti istituzionali con gli organismi parlamentari, le autorità centrali dello Stato, delle confessioni religiose e di altri enti pubblici e privati. Dal 1983 è praticante buddista della tradizione Theravada del Sud Est asiatico. Fino al 2012 ha svolto attività legale in numerosi presso enti e società pubbliche.

Diego Infante, scrittore e saggista indipendente. E’ autore di “La ragione degli dèi. La bellezza del molteplice e la dittatura dell’unico” (2015) e del recentissimo  “Le ragioni del Buddha. In Asia centrale sulle tracce del buddhismo d’Occidente”, ed. Meltemi, 2018.

Biglietto (conferenza + film): euro 10 (ridotto euro 8 per abbonati Odeon e convenzioni)

Alle ore 20 apericena indiano (facoltativo e su prenotazione, al costo di euro 10)

Cinema Odeon Firenze